libro sulle acque aromatizzate

Come preparare le tisane in estate?

Condividi sui Social!

Come preparare le tisane in estate?

Anche se l’idea di tisana  sia nel comune associata alle fredde giornate invernali, in realtà esistono tante ottimi infusi rinfrescanti e con tante proprietà ottimi da bere  freddi anche durante le calde giornate estive!

Durante il periodo estivo i liquidi vanno reintegrati, quindi perchè non combinare i benefici delle proprietà salutari delle erbe con il piacere di una bibita fresca e rinfrescante?

La tisana fredda va preparata in anticipo e conservata anche due giorni in frigo, per poi portarle in spiaggia, durante le passeggiate in montagna … e assaporare il loro sollievo ed energia!

Il consiglio è di non berle direttamente dal frigo ma sempre a temperatura ambiente perchè le bibite ghiacciate fanno male all’organismo e all’intestino oltre al fatto che aumentano la sudorazione!!!

L’autrice, Francesca Più, nel suo libro “Acque Aromatizzate” ci rivela l’importanza dell’acqua e tutti i trucchi per preparare facilmente e in poco tempo gustose bevande con frutta fresca, verdure, erbe aromatiche, superfoods, spezie e idrolati. Ma non solo: Francesca spiega come depurare l’acqua al meglio con metodi casalinghi, i benefici dell’acqua informata e come, utilizzando la memoria dell’acqua e l’importanza delle intenzioni e delle parole secondo le ricerche di Masuru Emoto, attivare al massimo le potenzialità curative nella preparazione delle vostre acque aromatiche.

Nella seconda parte del libro l’autrice presenta oltre 30 ricette di acque aromatizzate suddivise per le 4 stagioni e per le loro proprietà: Disintossicanti – Antiossidanti – Vitaminiche – Energizzanti – Rilassanti. Per ogni periodo dell’anno vengono utilizzati ingredienti freschi per seguire i ritmi naturali e non solo.

Ad ogni modo, la preparazione delle tisane in estate segue lo stesso procedimento di quelle invernali.

La tisana va preparata ponendo il filtro nella tazza, versando acqua bollente (prestando attenzione a non colpire direttamente il filtro), lasciando in infusione 4-5 minuti (a seconda del tipo di tisana) e coprendo infine la tazza con un piattino, al fine di preservarne profumo e fragranza. Solo a questo punto si potrà mettere la tisana nel frigorifero per lasciarla qualche ora a raffreddare, in attesa di poterla gustare come bevanda fredda.

Si possono dolcificare a piacere meglio con zucchero di canna, se usate il miele come al solito non unitelo alla bevanda calda (perde le sue migliori proprietà nutraceutiche) ma quando è tiepida.

Il freddo tende  ad esaltare maggiormente il gusto della tisana rendendola quindi talvolta un pochino più pungente quindi regolatevi con i tempi d’infusione.

Le tisane possono essere preparate in anticipo ma con un un’unica eccezione per le erbe amare.” Quelle che di solito si utilizzano per la depurazione del fegato come tarassaco, cardamomo e carciofo che vanno consumate subito, soprattutto perché possono essere sgradevoli al palato. Per le altre, si può preparare una bottiglia o un contenitore che ne contenga un litro e berne più bicchieri o tazze durante la giornata, considerando che anche la tisana è un liquido e che quindi la possiamo aggiungere alla quantità consigliata di liquidi giornaliera.

Condividi sui Social!

Share this Post!

About the Author : admin

0 Comment

Leave a Comment

Your email address will not be published.