ingredienti cosmetici

SAI COME LEGGERE LE ETICHETTE DEI COSMETICI?

Condividi sui Social!

Ecco alcune linee guida che ti aiuteranno nella scelta del prodotto più adatto alle tue esigenze.

Cos’è l’INCI?

L’INCI, International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, è la nomenclatura utilizzata a livello internazionale per identificare gli ingredienti presenti in un prodotto cosmetico.

Per comprendere se il prodotto presenta una composizione rispettosa dell’ambiente e della nostra pelle, dobbiamo imparare a leggere e decifrare l’etichetta.

Vediamo alcuni dettagli: 

  1. Ordine degli ingredienti

Non è casuale, infatti gli ingredienti sono indicati uno dopo l’altro a partire dalla sostanza presente in quantità maggiore nel prodotto, quindi in ordine decrescente.

  1. Linguaggio e nomenclatura utilizzate per gli ingredienti

Quando le sostanze sono elencate in etichetta mantenendo il loro nome latino significa che sono state inserite nella formulazione del prodotto tali e quali, senza subire modificazioni chimiche. I nomi latini si riferiscono ad ingredienti botanici o presenti nella farmacopea, ad esempio l’olio di mandorle dolci viene indicato come “prunus amygdalus dulcis oil“.

Ma quali sono gli ingredienti presenti?

Scopriamo nel dettaglio cosa possiamo frequentemente trovare nei cosmetici e cerchiamo di capire cosa sono:

  • Coloranti artificiali

Sono ingredienti frutto di sintesi chimica, per cui vengono utilizzate denominazioni in lingua inglese o codici numerici.

  • Profumazioni

Le profumazioni sintetiche sono indicate in etichetta con la semplice sigla “parfum“, sono sostituite ad esempio da oli essenziali (“essential oil“) nei cosmetici biologici.

  • Tensioattivi

Possono essere di derivazione petrolchimica, come il Sodium laureth sulfate. Quest’ultimo e l’Ammoniun lauryl sulfate sono presenti nei comuni detergenti reperibili nei supermercati, ma sono sostituiti da tensioattivi di origine naturale o vegetale, come Coco glucosideDecyl glucoside e Sodium lauroyl glutamate nei detergenti biologici.

  • Ingredienti derivati dal petrolio

Paraffinum Liquidum, PEG e PPG, Mineral Oil, Petrolatum, limitano la capacità della pelle di assorbire nutrienti e sono spesso presenti anche nei prodotti destinati a bambini e neonati, oltre che nelle creme idratanti per il viso e per il corpo vendute nei comuni supermercati e nelle profumerie.

Ma attenzione, questi sono spesso contenuti anche nei prodotti acquistati in farmacia o in erboristeria.

Dietro scritte ed illustrazioni verdi possono nascondersi ingredienti indesiderati.

  • Siliconi

Eccone alcuni: Poliquaternium-80, Dimethicone e Amodimethicone, inquinanti e capaci di creare una pellicola sulla pelle e sui capelli, per renderli apparentemente sani, ma per nulla nutriti.

  • Ingredienti altamente inquinanti

Questi, come: EDTA, che rende il preparato più stabile e duraturo impedendo l’ossidazione dei metalli presenti; MEA, TEA e MIPA sono delle ammine che in presenza di nitriti possono dare origine a composti allergizzanti e potenzialmente cancerogeni.

  • Ingredienti altamente allergizzantio considerati come potenziali cessori di formaldeide

Tra questi troviamo: Triclosan e Imidazolidinyl urea, DMDM Hydantoin, Methylisothiazolinone e Methylchloroisothiazolinone, utilizzati come conservanti.

 

In caso di dubbio, per poter comprendere se un ingrediente cosmetico è da considerarsi rispettoso o potenzialmente dannoso per l’ambiente o non particolarmente benefico per la nostra pelle, è possibile consultare il Biodizionario, il dizionario online cosmetico ed alimentare in cui sono stati catalogati oltre 4000 ingredienti cosmetici a seconda del loro livello di accettabilità.

In conclusione, per quanto riguarda le creme per il viso e per il corpo, un cosmetico a base vegetale sarà riconoscibile dalla presenza in maggioranza di ingredienti di origine naturale, come oli e burri indicati con il loro nome latino ed accompagnati da estratti naturali e da oli essenziali. In essi saranno assenti ingredienti come siliconi, paraffina e la presenza di profumazioni sintetiche sarà limitata. Gli estratti naturali presenti nella formulazione saranno probabilmente maggiori ed è possibile che essi siano indicati, tramite l’apposizione di un asterisco, come provenienti da agricoltura biologica.

Condividi sui Social!

Share this Post!

About the Author : admin

0 Comment

Leave a Comment

Your email address will not be published.