pelle e capelli danneggiati

Come trattare pelle e capelli dopo l’estate

Condividi sui Social!

Al rientro dalle vacanze la pelle si presenta disidratata dai raggi solari, segnata da macchie scure ed i capelli sembrano secchi e sbiaditi?

Questo perchè con il passare dei giorni lo strato corneo superficiale inizia a desquamarsi, il colorito si fa disomogeneo, l’epidermide opaca e ruvida. La cute diventa più secca e meno elastica.

Per la pelle bisogna dare un colpo di spugna, è necessario eliminare le cellule morte!

Come? L’ideale è un peeling delicato, un trattamento esfoliante in grado di stimolare il rinnovamento dell’epidermide inducendo una maggiore produzione di collagene nel derma. La pelle così si rinnova, diventa più elastica e sottile, e l’abbronzatura che rimane diventa luminosa. Gli effetti sono visibili subito, ma conviene ripetere il peeling una volta la settimana. Inoltre occorre reidratare la cute e stimolare la produzione di collagene ed elastina, distrutti dagli ultravioletti.

I chimici svedesi dell’Università di Lund hanno verificato che gli attivi di natura lipidica, come gli oli e i grassi vegetali contenuti nella maggior parte dei prodotti di trattamento per la pelle, riescono a penetrare meglio la barriera cutanea quando l’epidermide è ben idratata. Quindi, qualsiasi prodotto, dalle creme anti-age ai gel contro le imperfezioni, dalle formule rimpolpanti a quelle anti-macchia, funziona solo se il livello di idratazione è sufficiente.

Per potenziare l’idratazione al massimo è meglio utilizzare sieri ricchi di principi attivi idratanti da applicare due volte al giorno prima del consueto prodotto di trattamento. Meglio ancora se si punta su formule che contengono estratti naturali puri.

A completamento del trattamento topico cutaneo è utile apportare nutrienti anche per via orale. L’utilizzo simultaneo di integratori e cosmetici permette di attaccare su più fronti strategici la riparazione cellulare, ottimizzando e accelerando gli effetti cutanei con meccanismi coordinati. È stato così dimostrato che:

  • Vitamina A ha un effetto restitutivo e di protezione del tessuto cutaneo,
  • Vitamine C ed E riducono i danni causati dai radicali liberi, che possono danneggiare collagene ed elastina,
  • Vari probiotici favoriscono il recupero delle difese cellulari dopo l’esposizione ai raggi UV,

Vitamina F (acidi grassi polinsaturi) svolge invece un importante ruolo strutturale nelle cellule, partecipa alla sintesi dei lipidi, è coinvolta nella funzione di barriera cutanea, nei processi infiammatori e immunitari.

E per i capelli provati dal sole?
Al rientro dalle vacanze non esiste chioma che non sia sfibrata e danneggiata. L’esposizione solare è anche responsabile dell’aggressione della struttura del capello dovuto allo stress ossidativo.

Come rimediare? Se possibile, evitate l’uso del phon o almeno utilizzatelo a basse temperature e soprattutto, cercate di non adoperare la piastra. Per rimediare in maniera naturale provate a fare un impacco a base di olio d’oliva tiepido. Dopo averlo distribuito sui capelli, lasciatelo agire per circa mezz’ora e poi procedete con un normale lavaggio.

E’ preferibile scegliere una detersione delicata con shampoo privi di tensioattivi schiumogeni come gli oli lavanti e proseguire con l’utilizzo del balsamo nutriente.
Se i capelli sono particolarmente stopposi è meglio usare una maschera ristrutturante da applicare ogni 3 giorni. Si consiglia di utilizzare shampoo e balsami nutrienti e delicati agli estratti vegetali (olio di jojoba, burro di karité, germe di grano, ecc) che aiutano anche a limitare la caduta dei capelli tipica della stagione autunnale.

Per ripristinare il danno, anche l’alimentazione è fondamentale!

Bisogna nutrirsi con alimenti che contengano le stesse proprietà della fibra capillare: vitamine A, B, C ed E, minerali come zinco, ferro, rame, silicio, magnesio, manganese, ferro e aminoacidi.
Vediamo le loro diverse proprietà:

  • lo zinco ha un’azione seboregolatrice,
  • il ferro previene la caduta,
  • il rame accelera i processi di cheratinizzazione,
  • il silicio è rimineralizzante,
  • il magnesio rigenera le cellule,
  • il manganese trattiene vitamine e ferro.

Li troviamo tutti in frutta, verdura, pesce, legumi, cereali, carne e derivati.

Nello specifico: latte, frutti di mare, spinaci e pomodori hanno alte concentrazioni di zinco; carne e derivati, invece, contengono aminoacidi che rinforzano la capigliatura.
Dall’interno è possibile agire assumendo integratori contenenti aminoacidi, come cisteina, cistina e guanina, elementi che formano la cheratina, componente fondamentale dei nostri capelli.

 

Condividi sui Social!

Share this Post!

About the Author : admin

0 Comment

Leave a Comment

Your email address will not be published.