Articoli

? Martedì= piatti Sanisapori

? Martedì= piatti Sanisapori!
Oggi vi parliamo di COUS COUS!
#RICETTA COUS COUS CON CECI
Ingredienti:
60 gr di cous cous;
120 gr di ceci già cotti
Pomodori secchi
Aromi a piacere
Olio a piacere
? Preparazione: mettete il couscous in una ciotola e bagnatelo con una quantità di acqua bollente leggermente salata, pari al doppio della quantità di couscous che preparate. Unite un filo d’olio, coprire e lasciate gonfiare la semola; alla fine separate i chicchi con una forchetta.
Preparare un trito di carota, sedano e cipolla e soffriggere in padella con un filo d’olio per 4-5 minuti a fiamma bassa. Unite i legumi ben scolati e lasciateli insaporire per qualche minuto regolando di sale.
Unire i ceci al cous cous, aggiungere i pomodori secchi tritati ed insaporire con santoreggia o menta.
Ai ceci si possono sostituire altri legumi: ceci neri e roveja, fagioli, lenticchie.
GUARDA IL NOSTRO MENU’ QUI: https://www.facebook.com/Saperi.Locali.Pescara/menu/

? Il cous cous é un piatto di origine nordafricana che ha conquistato le nostre tavole grazie alla facilità e alla varietà di preparazione. Gustoso e fresco è un piatto unico che può essere preparato in diverse varianti con l’aggiunta di #ingredientigenuini e saporiti sperimentando le combinazioni più disparate. E’ un alimento semplice che abbiamo a disposizione ed è composto da solamente due ingredienti: semola di grano duro e acqua. Sono pertanto gli stessi ingredienti che troviamo nella #pasta comune che utilizziamo giornalmente.
La semola di grano duro viene macinata e poi cotta al vapore per poi essere setacciata, macinata e lavorata fino a che non si ottengono i tipici granuli rotondi di piccole dimensioni.
In nord africa il cuscus viene generalmente servito con verdure (carote, rape, ecc.) lessate in un brodo più o meno piccante, e qualche tipo di carne (di solito, pollo, agnello o montone); si può preparare in molti modi diversi, dai piatti leggeri a quelli più gustosi ed elaborati. Può essere servito e abbinato a diversi condimenti: con carne e pesce, ma anche con #verdure e #legumi. È principalmente un piatto unico, ma può essere anche la base per dolci con uvetta, canditi o frutta secca. Oltre che presente nella #cucina #nordafricana, il Cous Cous è amato anche nella cucina siciliana e ha un posto di rilevanza grazie all’influenza magrebina dovuta alla dominazione araba.
Data la diffusione che oggi ha nella cucina è bene conoscere le proprietà ed i benefici per la #salute ed eventuali controindicazione nell’uso. È un alimento leggero molto digeribile e saziante, la presenza di fibre concorre al benessere dell’intestino. È poco calorico ed energetico, l’importante è prestare attenzione al #condimento che si usa.
Questo alimento è, come prevedibile, ricco di #carboidrati, di #amido e di #proteine, sono presenti anche #vitamine del gruppo B e la Vitamina A.
Nel Cous Cous sono presenti inoltre alcuni #saliminerali molto importanti, come #fosforo, #potassio, #calcio e #magnesio.
Nonostante il Cous Cous abbia le medesime qualità nutrizionali del frumento, è ben accolto dai nutrizionisti che gli conferiscono proprietà dietetiche poiché assorbe una maggiore quantità di acqua che ne aumenta il volume, che aumenta anche il senso di sazietà; pertanto saranno sufficienti 40 gr di Cous Cous conditi con verdure e pesce per avere a disposizione un piatto unico in grado di saziare con #gusto pur mantenendo bilanciato l’apporto calorico e di conseguenza rispettando gli obiettivi di una #dieta dimagrante.
Ma non basta, nel Cous Cous troviamo un ridotto contenuto di #lipidi e sarà sufficiente giusto una goccia di olio per condirlo. Con pochi e semplici ingredienti si può preparare una pietanza leggera e ipocalorica, in perfetta armonia con la dieta.

#saperilocalipescara #saperilocali #menuadomicilio #sanisapori #sani #cibisani #sano #genuino #ricettacouscous #couscous #cosacucinoggi

? Martedì= #ricetta #SaniSapori

? Martedì= #ricetta #SaniSapori!
Secondo le linee guida per una sana e corretta #alimentazione, sarebbe opportuno consumare i #legumi 3 o più volte a settimana ma, a causa dei tempi di #cottura piuttosto lunghi, abbiamo la tendenza a dimenticarci di queste preziose fonti di #proteine vegetali e #fibre. Come attestano i rinvenimenti archeologici, i legumi vengono consumati sin dall’età preistorica, e da sempre sono considerati la carne dei poveri. Inoltre i reperti fossili dimostrano che alle #lenticchie spetta il primato di essere i primi, quindi i più antichi legumi sfruttati in ambito alimentare.
? Tra i legumi le lenticchie, cuociono abbastanza in fretta e non necessitano di ammollo. Inoltre le lenticchie rosse decorticate cioè private della buccia esterna, cuociono in 15 minuti e sono più facilmente digeribili, particolarmente adatte ai #bambini di ogni età e sono di solito ben tollerate anche da chi accusa fastidiosi effetti collaterali a livello gastrointestinale. Come altri legumi, anche le lenticchie sono povere di #grassi e una preziosa fonte di proteine, fibre, #ferro, #magnesio e #potassio. Le lenticchie rosse sono un ottimo ingrediente per vellutate, minestre, polpette o burger #vegetali, anche per i #celiaci.
? Ricetta:
Per preparare la versione base della #vellutata di lenticchie rosse mettete in una pentola un trito di #cipolla e #carota con un paio di cucchiai d’olio. Fate soffriggere e aggiungete 150 g di lenticchie rosse, 3 bicchieri di #acqua o #brodo vegetale, volendo una foglia d’alloro. Fate cuocere per 15-20 minuti finché le lenticchie non sono tenere, salate e frullate con un frullatore ad immersione; aggiungete eventualmente altra acqua oppure fate addensare sul fuoco fino a raggiungere la consistenza desiderata. Potete insaporire la crema con pancetta croccante, formaggio marcetto, aromi, semi, un filo di olio e crostini di pane.
? Buon appetito!
? Consulta il nostro menù: https://www.facebook.com/Saperi.Locali.Pescara/menu/

#saperilocalipescara #saperilocali #menu #piattidasporto #sanisapori #cucinasana #sani #bontà #salute #cibo #bio

Di colore rosso scuro e chicco affusolato, il …

Di colore rosso scuro e chicco affusolato, il #risorosso è un #risointegrale, aromatico e di origine orientale che viene coltivato anche nella Pianura Padana. Richiede tempi di cottura più lunghi rispetto al riso raffinato ma ha il vantaggio di contenere più fibre e sali minerali. Dal sapore intenso e tipicamente dolciastro, il chicco è di colore #rossorubino e il cuore interno bianco.

Il riso #rosso è una fonte di #antiossidanti e viene consigliato per favorire il funzionamento corretto dell’intestino e per tenere sotto controllo i livelli di #colesterolo nel sangue.

Consumare riso rosso integrale aiuta a ridurre il rischio di obesità e a tenere bassa la #glicemia. La sua ricchezza di fosforo e magnesio rende il riso rosso benefico per le ossa. Il riso rosso è un #cibosano ed un piatto di #SANIsapori. Sappiatelo! Fa bene alla #salute.

Il riso rosso può essere lessato o cotto al vapore. I tempi di cottura sono di circa 35-40 minuti, non si presta ad essere risottato, ma è invece perfetto per preparare piatti freddi ricchi di verdure, carne o pesce, ideali per la #pausapranzo veloce a #casa o in #ufficio. Può essere utilizzato come accompagnamento di ricette particolarmente condite al posto del classico #risobasmati. Il riso rosso, dopo la lessatura, può essere conservato in frigo per qualche giorno.

La nostra #ricetta preferita per consumare il #risorosso è con #salmonealnaturale, #pinolitostati e #bucciadiaranciebiologiche.

Dosi per una persona:
– 75 gr di riso rosso
– 80 gr salmone al naturale
– una manciata di pinoli tostati
– una spolverata di buccia di arancia biologica (disidrata o grattuggiata se fresca)
– un cucchiaio di Olio extra vergine di oliva (va bene un monovarietale di Leccino, I77 o di Gentile di Chieti)

Lo sai già. Se non hai tempo, pensiamo noi a cucinarlo e a portarlo in ufficio a pranzo o a casa anche a cena! Comodo no?! ?

Visita il menù #SANIsapori di #SaperiLocali e scegli come personalizzare e condire il tuo #risorosso: https://www.facebook.com/Saperi.Locali.Pescara/menu/